Pellicce di cane e gatto per produrre borse, giocattoli ed indumenti

Fai la tua parte!



					
					

Voiceless Friends

In vista della scioccante indagine all'interno dei mattatoi e mercati della carne, rivelata dall'organizzazione per i diritti degli animali Animal Equality, ho potuto fare esperienza diretta della terribile tortura fisica e psicologica a cui questi animali sono soggetti.
Più di 10 milioni di cani e 4 milioni di gatti vengono uccisi ogni anno in Cina per la loro carne e la loro pelliccia. La crudeltà di questa pratica è completamente ingiustificabile.
Ci sono milioni di persone come noi, in tutto il mondo, che considerano il massacro di cani e gatti per il consumo umano o per il mercato delle pellicce completamente inaccettabile. Io, inoltre, chiedo al governo Cinese di eradicare questa crudele attività.

Distinti saluti,

[firma]

Firmando accetti le nostre condizioni sulla privacy.
631,000 Firme

Condividi con i tuoi amici:

   

Diffondi

Firma la petizione

< BACK TO BLOG

Dopo le indagini condotte da Animal Equality, in Cina sono stati chiusi 33 mercati di cani e gatti, e 1 macello di cani ottobre 15, 2013

victories-news

Le immagini ottenute dagli investigatori di Animal Equality sono state utilizzate da attivisti cinesi del Centro Volontari di Guangzhou per denunciare alle autorità il commercio illegale che si svolge in questo luogo.
Trentatré rivenditori di carne di cane e gatto all’interno del mercato ‘I Tre uccelli‘ di Dali, e un macello dei cani, tutti situati a Nanhai – Foshan (Guangdong), sono stati chiusi dalle autorità cinesi a seguito dell’investigazione condotta da Animal Equality in collaborazione con il Centro Volontari di Guangzhou.
La maggior parte di questi animali provengono dalla strada o vengono rapiti dalle abitazioni.Le immagini ottenute dagli investigatori sono state utilizzate da attivisti cinesi per denunciare alle autorità il commercio illegale, la violazione delle norme di bio sicurezza, la mancanza dei vaccini e dei certificati di origine dei cani (dato che la maggior parte di questi animali provengono dalla strada o sono rubati da trafficanti che entrano nelle case con la precisa intenzione di rapirli). Durante il raid, la polizia ha sequestrato più di 600 tra cani e gatti.
Le autorità di Nanhai hanno inoltre chiuso un macello situato vicino al mercato che veniva utilizzato dai commercianti per rifornire i ristoranti locali. Durante l’intervento della polizia sono stati trovati più di cento cani in gabbia, molti di loro feriti e disidratati, altri già morti.

Dal momento che l’allevamento, il commercio e l’uccisione di cani a scopo alimentare non è esplicitamente vietato in Cina, la chiusura di questi luoghi è stata basata principalmente su un problema di bio sicurezza, poiché i proprietari non disponevano del certificato di origine e del vaccino per ogni cane.

Fino a quando il governo cinese non proibirà tale commercio, per la chiusura dei mercati, dei ristoranti e dei macelli si potrà far leva esclusivamente sul rispetto delle leggi in materia di bio sicurezza e tassazione giacché praticamente tutti gli spacci non risultano adeguatamente conformi.
In generale, ogni rivenditore ha un unico certificato – quasi sempre falso – per ogni carico ricevuto, anziché averne uno per ogni cane, e questo in quanto un gran numero di cani inviati ai macelli vengono dalla strada o dalle famiglie, e i venditori non hanno alcuna possibilità di avere certificazioni sul loro conto.