Pellicce di cane e gatto per produrre borse, giocattoli ed indumenti

Fai la tua parte!



					
					

Voiceless Friends

In vista della scioccante indagine all'interno dei mattatoi e mercati della carne, rivelata dall'organizzazione per i diritti degli animali Animal Equality, ho potuto fare esperienza diretta della terribile tortura fisica e psicologica a cui questi animali sono soggetti.
Più di 10 milioni di cani e 4 milioni di gatti vengono uccisi ogni anno in Cina per la loro carne e la loro pelliccia. La crudeltà di questa pratica è completamente ingiustificabile.
Ci sono milioni di persone come noi, in tutto il mondo, che considerano il massacro di cani e gatti per il consumo umano o per il mercato delle pellicce completamente inaccettabile. Io, inoltre, chiedo al governo Cinese di eradicare questa crudele attività.

Distinti saluti,

[firma]

Firmando accetti le nostre condizioni sulla privacy.
640,527 Firme

Condividi con i tuoi amici:

   

Diffondi

Firma la petizione

Giorno 1

“Il Mercato” Guangzhou Jinrong

Nel primo giorno d’investigazione sull’industria della carne di cane in Cina abbiamo visitato il mercato Guangzhou Jinrong Livestock dove gli animali, che dopo sarebbero diventati la carne nel piatto di qualcuno, venivano venduti al migliore offerente.

Ho visto cani, capre, maiali e scimmie in questo mercato – che sembrava relativamente sorvegliato vista la presenza di guardie e barriere all’entrata. Quando sono arrivato, delle persone stavano scaricando i maiali dai camion – gli stessi camion che avevamo visto prima in autostrada. I maiali erano ammassati in strette gabbie metalliche. Quelli che stavano sotto riuscivano a malapena a stare in piedi e le loro schiene sfregavano contro lo scompartimento di sopra, altri erano obbligati a stare inginocchiati sul pavimento. Gli animali sembravano esausti, avevano delle ombre scure attorno agli occhi pieni di sangue. Le persone nel mercato svolgevano il loro lavoro, apparentemente incuranti delle sofferenze di quegli animali, delle loro ferite, della paura e delle urla. Per far scendere i maiali dal camion, i lavoratori li colpivano con sbarre metalliche, alcuni persino sugli occhi, senza preoccuparsi minimamente, anzi a volte ridendo dei tentativi di proteggersi di questi animali.

Al lato apposto vi era la zona riservata ai cani, e di fronte a questa c’erano pile di gabbie di ferro – le tipiche gabbie utilizzate per trasportare questi animali. Non sono riuscito a scattare foto in questa zona perché la guardia mi ha fermato. Quando ho raggiunto i cani con le mie mani, erano sorprendentemente curiosi e cercarono di avvicinarsi a me. Questi animali possono essere i migliori amici dell’uomo, il che rende questo commercio ancora più strano, poichè diventano niente più che le vittime dell’industria della carne.

diary